Istruzioni per la costruzione di un muro da tiro

Come costruire un muro da tiro in pochi passaggi. Non importa se vi dilettate da soli o con tutta la famiglia – il muro da tiro è sempre un divertimento assoluto. Volete guardare la partita con amici e fare gol durante l’intervallo? Nulla di più semplice se avete un muro da tiro.

  • Apparecchio a spruzzo per vernici e velature, ad esempio W 590 FLEXiO
  • Cacciavite/ Avvitatore
  • Levigatrice elettrica o manuale, 2 cavalletti come base, se necessari
  • Trapano
  • Seghetto alternativo
  • Matita
  • Metro pieghevole
  • Compasso per il disegno delle forme a mano
  • 1 pannello in MDF 1500 x 1000 x 19 mm
  • 2 pannelli in MDF 700 x 80 x 19 mm (supporti)
  • 2 pannelli in MDF 800 x 80 x 19 mm (rinforzi diagonali con rispettivamente un angolo di 30° ovvero 60° a entrambe le estremità)
  • 6 viti 3,5 x 35 mm
  • Nastro adesivo per il bordo bianco esterno
  • Nastro adesivo per i bersagli (o nastro per contorni curvo, con il quale è possibile effettuare una mascheratura precisa, oppure dritto da applicare a pezzi singoli attorno al bersaglio e ritagliare infine con un cutter per ottenere un cerchio netto. A seconda del prodotto utilizzato, il nastro deve essere resistente all’acqua o al solvente)
  • Carta abrasiva
  • Vernice bianca e verde scuro acrilica o resistente agli agenti atmosferici

Istruzioni passo a passo per costruire e dipingere il muro da tiro

Passaggio 1 di 6: Preparare il muro da tiro

Preparare il muro da tiro

Fare tagliare a misura il pannello in MDF, i supporti e i rinforzi diagonali con angolari in base al disegno presso il negozio di bricolage. Se possibile, fare ritagliare anche i bersagli. In caso contrario, segnare il centro del bersaglio in base al disegno e tracciare il cerchio con un compasso. Se non lo si ha a portata di mano, prendere un cordino e legare un chiodo a un’estremità e una matita all’altra, quindi piantare il chiodo a centro del cerchio e tracciare il cerchio con un raggio di 160 mm. Procedere allo stesso per il secondo bersaglio. Ritagliare i bersagli con un seghetto alternativo (immagine 1). Per assicurare l’aderenza del colore, carteggiare leggermente il pannello. Carteggiare anche gli spigoli dei bersagli e i bordi delle altre superfici tagliate (immagine 2). Pulire tutte le superfici con un panno in microfibra. Tutte le superfici devono essere asciutte e non presentare tracce di polvere o grasso.

Preparare il muro da tiro

Fare tagliare a misura il pannello in MDF, i supporti e i rinforzi diagonali con angolari in base al disegno presso il negozio di bricolage. Se possibile, fare ritagliare anche i bersagli. In caso contrario, segnare il centro del bersaglio in base al disegno e tracciare il cerchio con un compasso. Se non lo si ha a portata di mano, prendere un cordino e legare un chiodo a un’estremità e una matita all’altra, quindi piantare il chiodo a centro del cerchio e tracciare il cerchio con un raggio di 160 mm. Procedere allo stesso per il secondo bersaglio. Ritagliare i bersagli con un seghetto alternativo (immagine 1). Per assicurare l’aderenza del colore, carteggiare leggermente il pannello. Carteggiare anche gli spigoli dei bersagli e i bordi delle altre superfici tagliate (immagine 2). Pulire tutte le superfici con un panno in microfibra. Tutte le superfici devono essere asciutte e non presentare tracce di polvere o grasso.

Passaggio 2 di 6: Preparare il processo di spruzzatura

Preparare il processo di spruzzatura

Diluire la vernice bianca in base alle istruzioni del produttore: con acqua se la vernice è acrilica, con solvente se si utilizza una vernice resistente agli agenti atmosferici a base di solvente (immagine 1). Mescolare quindi energicamente (immagine 2). Sganciare la pistola a spruzzo dalla turbina e svitare il serbatoio. Disporre l’erogatore in avanti. In tal modo è possibile assicurare il pescaggio totale del colore durante la verniciatura del muro da tiro disposto sui cavalletti. 

Versare il colore nel serbatoio fino a riempirlo per 3/4 (immagine 3) e mescolare bene. Avvitare il serbatoio e agganciare la pistola alla turbina. Effettuare un test su un cartone. Il getto è dotato di tre regolazioni. Getto piatto orizzontale per lavorare procedendo dall’alto verso il basso, getto piatto verticale per lavorare procedendo da destra verso sinistra e getto puntiforme per effettuare lavori di precisione. La rotellina consente di regolare in continuo l’erogazione del colore (immagine 4).

Preparare il processo di spruzzatura

Diluire la vernice bianca in base alle istruzioni del produttore: con acqua se la vernice è acrilica, con solvente se si utilizza una vernice resistente agli agenti atmosferici a base di solvente (immagine 1). Mescolare quindi energicamente (immagine 2). Sganciare la pistola a spruzzo dalla turbina e svitare il serbatoio. Disporre l’erogatore in avanti. In tal modo è possibile assicurare il pescaggio totale del colore durante la verniciatura del muro da tiro disposto sui cavalletti. 

Versare il colore nel serbatoio fino a riempirlo per 3/4 (immagine 3) e mescolare bene. Avvitare il serbatoio e agganciare la pistola alla turbina. Effettuare un test su un cartone. Il getto è dotato di tre regolazioni. Getto piatto orizzontale per lavorare procedendo dall’alto verso il basso, getto piatto verticale per lavorare procedendo da destra verso sinistra e getto puntiforme per effettuare lavori di precisione. La rotellina consente di regolare in continuo l’erogazione del colore (immagine 4).

Preparare il processo di spruzzatura

Diluire la vernice bianca in base alle istruzioni del produttore: con acqua se la vernice è acrilica, con solvente se si utilizza una vernice resistente agli agenti atmosferici a base di solvente (immagine 1). Mescolare quindi energicamente (immagine 2). Sganciare la pistola a spruzzo dalla turbina e svitare il serbatoio. Disporre l’erogatore in avanti. In tal modo è possibile assicurare il pescaggio totale del colore durante la verniciatura del muro da tiro disposto sui cavalletti. 

Versare il colore nel serbatoio fino a riempirlo per 3/4 (immagine 3) e mescolare bene. Avvitare il serbatoio e agganciare la pistola alla turbina. Effettuare un test su un cartone. Il getto è dotato di tre regolazioni. Getto piatto orizzontale per lavorare procedendo dall’alto verso il basso, getto piatto verticale per lavorare procedendo da destra verso sinistra e getto puntiforme per effettuare lavori di precisione. La rotellina consente di regolare in continuo l’erogazione del colore (immagine 4).

Preparare il processo di spruzzatura

Diluire la vernice bianca in base alle istruzioni del produttore: con acqua se la vernice è acrilica, con solvente se si utilizza una vernice resistente agli agenti atmosferici a base di solvente (immagine 1). Mescolare quindi energicamente (immagine 2). Sganciare la pistola a spruzzo dalla turbina e svitare il serbatoio. Disporre l’erogatore in avanti. In tal modo è possibile assicurare il pescaggio totale del colore durante la verniciatura del muro da tiro disposto sui cavalletti. 

Versare il colore nel serbatoio fino a riempirlo per 3/4 (immagine 3) e mescolare bene. Avvitare il serbatoio e agganciare la pistola alla turbina. Effettuare un test su un cartone. Il getto è dotato di tre regolazioni. Getto piatto orizzontale per lavorare procedendo dall’alto verso il basso, getto piatto verticale per lavorare procedendo da destra verso sinistra e getto puntiforme per effettuare lavori di precisione. La rotellina consente di regolare in continuo l’erogazione del colore (immagine 4).

Passaggio 3 di 6: Il processo di spruzzatura

Il processo di spruzzatura

Si consiglia di iniziare spruzzando di bianco tutti gli spigoli nudi del muro da tiro, i supporti e i rinforzi impostando il getto circolare e un’erogazione ridotta del colore. Passare quindi al getto piatto, aumentare l’erogazione del colore, spruzzare la superficie a una distanza di circa 10 – 15 cm sovrapponendo leggermente il colore a ogni passaggio (immagine 1). Cambiare sempre la direzione di spruzzatura quando il getto non è proiettato sulla superficie per evitare la formazione di strati di colore più spessi. Consiglio: dato che se applicata troppo spessa la vernice può dare luogo alla formazione di colature, è meglio passare due mani anziché una di eccessivo spessore. Lasciare asciugare bene in colore. Nell’attesa, versare nel secchio il colore rimasto nel serbatoio della pistola e lavare quest’ultima (immagine 2), con acqua calda e un po’ di detersivo se il colore è acrilico. Lavare l’ugello spruzzando acqua pulita. Con le vernici a base di solventi utilizzare un solvente adatto. Raccogliere il prodotto e provvedere al suo smaltimento conforme. In alternativa al lavaggio intermedio può essere utilizzata una seconda pistola, disponibile come accessorio presso il negozio di bricolage.

Il processo di spruzzatura

Si consiglia di iniziare spruzzando di bianco tutti gli spigoli nudi del muro da tiro, i supporti e i rinforzi impostando il getto circolare e un’erogazione ridotta del colore. Passare quindi al getto piatto, aumentare l’erogazione del colore, spruzzare la superficie a una distanza di circa 10 – 15 cm sovrapponendo leggermente il colore a ogni passaggio (immagine 1). Cambiare sempre la direzione di spruzzatura quando il getto non è proiettato sulla superficie per evitare la formazione di strati di colore più spessi. Consiglio: dato che se applicata troppo spessa la vernice può dare luogo alla formazione di colature, è meglio passare due mani anziché una di eccessivo spessore. Lasciare asciugare bene in colore. Nell’attesa, versare nel secchio il colore rimasto nel serbatoio della pistola e lavare quest’ultima (immagine 2), con acqua calda e un po’ di detersivo se il colore è acrilico. Lavare l’ugello spruzzando acqua pulita. Con le vernici a base di solventi utilizzare un solvente adatto. Raccogliere il prodotto e provvedere al suo smaltimento conforme. In alternativa al lavaggio intermedio può essere utilizzata una seconda pistola, disponibile come accessorio presso il negozio di bricolage.

Passaggio 4 di 6: Mascherare

Mascherare

Una volta asciutto il colore, mascherare i bersagli con l’apposito nastro per contorni. Tracciare un cerchio regolare e premere bene il nastro affinché la vernice non vi penetri. Applicare un nastro adesivo piuttosto largo sul bordo esterno. Creare dei riferimenti segnando dei piccoli punti con la matita. Premere bene il nastro.

Passaggio 5 di 6: Il secondo processo di spruzzatura

Il secondo processo di spruzzatura

Mescolare la vernice verde, diluirla e versarla nel contenitore della pistola. Effettuare di nuovo un test e impostare il getto piatto nella direzione di lavoro desiderata. Procedere come avete fatto con la vernice bianca. Non appena il colore è “asciutto al tatto” togliere il nastro da mascheratura - non attendere a lungo per evitare un possibile distacco della vernice. Dopo l’uso rilavare bene la pistola con acqua o solvente.

Passaggio 6 di 6: Applicare i supporti

Applicare i supporti

L’ultimo passaggio prevede il montaggio dei supporti. Avvitare dapprima i rinforzi diagonali ai supporti e quindi al muro da tiro (immagine 1).  Avvitare infine i supporti al muro da tiro (immagine 2).

Mettere in piedi il muro e tirate, tirate, tirate.

Applicare i supporti

L’ultimo passaggio prevede il montaggio dei supporti. Avvitare dapprima i rinforzi diagonali ai supporti e quindi al muro da tiro (immagine 1).  Avvitare infine i supporti al muro da tiro (immagine 2).

Mettere in piedi il muro e tirate, tirate, tirate.

Tutti i materiali possono essere acquistati in un negozio di bricolage. Nel presente caso abbiamo utilizzato pannelli in MDF, anziché di compensato. Il muro da tiro è in tal caso più protetto contro gli agenti atmosferici ed è sufficiente verniciare il solo lato frontale e i bordi.

Il risultato: Ein tolles Fussball-Ambiente

W 590 FLEXiO

W 590 FLEXiO

Il dispositivo a spruzzo flessibile per interni ed esterni

Il cerca prodotti di WAGNER

Il cerca prodotti di WAGNER

Qui potete trovare altri prodotti

Sistemi di verniciatura a spruzzo: Istruzioni e Consigli

Sistemi di verniciatura a spruzzo: Istruzioni e Consigli

Leggete qui come utilizzare al meglio questi sistemi, quali attenzioni richiedono, perché è consigliato il loro uso e quali sono quelli più adatti.