FAQ per il dispositivo HVLP

Abbiamo compilato una lista di domande frequenti per voi. Per semplificare la ricerca, è possibile filtrare per nome del prodotto e fasi di lavoro. E se non riesci a trovare la risposta qui, il nostro servizio tecnico sarà lieto di aiutarti.

Nome del prodotto

Fase di lavoro

In caso di superfici lisce e materiali densi o gelatinosi può essere necessario diluire il colore. Si consiglia una miscelazione con acqua anche in caso di nebulizzazione troppo grossolana o di erogazione del colore troppo ridotta (anche se regolata sul valore massimo).

Per informazioni dettagliate sui singoli materiali e sulla diluizione massima consentita, consultare la scheda tecnica del produttore (ad esempio in Internet).

Effettuare dapprima un test senza diluire il colore. Se la nebulizzazione non è sufficientemente fina o si formano dei bordi, diluire il colore a progressioni del 5 percento servendosi di un’apposita frusta.

Per informazioni dettagliate sui materiali specifici e sulla diluizione massima consentita, consultare la scheda tecnica del produttore, ad esempio in Internet.

Mescolare il materiale nel contenitore originale. Per i colori per interni si consiglia l’uso di una frusta. Lavorare il colore a temperatura ambiente. Se necessario, diluire il colore

Coprire tutte le superfici e gli oggetti che non devono essere tinteggiati, oppure rimuoverli dall’ambiente.

A questo proposito, consigliamo l’uso dell’Universal Extra Masking Kit https://www.wagner-group.com/it/fai-da-te/prodotti-accessori/gruppo-di-accessori/universal-extra-masking-kit/.

Staccare la pistola dalla turbina e versare il colore residuo nel contenitore originale. Pulire quindi tutte le parti a contatto con il colore servendosi di un apposito detergente. Nel caso dei colori a base d'acqua utilizzare acqua calda con del detersivo. Consiglio: prima viene lavato il sistema a spruzzo dopo l’uso, tanto più facile sarà rimuovere il colore.

Per lo svolgimento di lavori in posizione capovolta disporre l’erogatore della pistola all’indietro. Spruzzare il colore con un’angolazione massima di 30°.

Per evitare che il tubo flessibile si pieghi, staccarlo dal sistema e dalla pistola.

Spruzzare il colore indossando sempre una mascherina: la nebbia del colore e le esalazioni dei solventi sono nocive per la salute. Lavorare soltanto in ambienti bene aerati o dotati di aerazione forzata. Si consiglia di indossare indumenti da lavoro, occhiali protettivi, protezione per l’udito e guanti.

Di regola, i colori non diluiti si mantengono a lungo, tuttavia se chiusi a tenuta d’aria. Se diluito con acqua, il colore può avariare a causa dei germi in essa presenti (formazione di muffe).

  • Applicazione uniforme
  • Superfici lisce più resistenti
  • Elevata velocità di lavoro
  • Elevato potere coprente
  • Bordi e angoli facilmente accessibili
  • Accesso a punti difficili
  • Superfici strutturate

Si consiglia di spruzzare il colore a strisce verticali. A questo proposito muovere l’apparecchio a una distanza di 10-30 cm dalla parete (a seconda della pistola e del materiale) e a velocità costante. Sovrapporre leggermente le strisce in modo da assicurare una tinteggiatura uniforme. Ciò può essere ottenuto anche spruzzando il colore in modo "incrociato" ovvero procedendo in senso verticale e quindi orizzontale.

Lavorare lontano dalla luce. Iniziare dal soffitto, passare quindi agli imbotti delle finestre, agli angoli e infine ai bordi della superficie da tinteggiare. A seconda della direzione di lavoro preferita, tinteggiare infine le pareti regolando il getto nel modo opportuno.

  1. Rimuovere il colore già esistente con una spatola e della carta abrasiva, quindi uniformare la superficie con dello stucco. Rimuovere lo sporco e le impurezze dalle parti sane del colore già esistente quindi trattare la superficie con della carta abrasiva a grana fina.
  2. Applicare sempre più strati di materiale (vedere le istruzioni del produttore). Il colore deve essere compatibile con la superficie/il colore già esistente. Pre-trattare il legno al naturale con un primer protettivo, la plastica con un primer adesivo e il metallo con un prodotto antiruggine.
  3. Per i primer, le vernici e le velature sono adatte le pistole “Wood&Metal”. Iniziare a spruzzare il colore impostando l’erogazione del colore su un valore basso, quindi aumentare qualora si desideri procedere a ritmo più veloce. Impostare un’erogazione più sottile possibile per evitare “sbavature” e ridurre i tempi di asciugatura.
  4. Iniziare a spruzzare il colore prima che il getto si trovi in corrispondenza della superficie e proseguire oltre prima di cambiare direzione. Lavorare tenendo una distanza di 10-15 cm dall’oggetto e una velocità di lavoro costante. Trattare dapprima le parti non visibili di sedie, tavoli, persiane ecc., quindi le gambe, gli angoli, gli spigoli e infine le “parti più gustose”.

HVLP è sinonimo di:

  • Lavori piccoli e grandi
  • Ridotta formazione di nebbia
  • Pulizia rapida e semplice
  • Uso facile

Airless è sinonimo di:

  • Elevata velocità di lavoro
  • Superfici di alta qualità
  • Robustezza
  • Versatilità
  • Uso frequente
  • Ridurre il volume d’aria
  • Ridurre la distanza dall’oggetto
  • Spruzzare sempre a intervalli costanti e regolari

La bacchetta serve per diluire e mescolare il colore. Immergere la bacchetta fino a toccare il fondo del barattolo del colore. La distanza tra le tacche equivale a una diluizione del 10 %. Aggiungere acqua e mescolare bene. Con la punta della bacchetta è inoltre possibile rimuovere il colore essiccato dall’ugello.

No, i sistemi a spruzzo WAGNER non sono adatti per la lavorazione di colori per facciate. Questi sono composti da un’elevata percentuale di silicati, la cui consistenza è ad elevata densità e contengono elementi grossolani che ne rendono difficile la lavorazione. I silicati sono inoltre fortemente abrasivi e causano occlusioni del sistema a spruzzo di entità tale da poter ridurre il ciclo di vita del sistema stesso.

I sistemi a spruzzo adatti per la lavorazione di colori da facciata sono riportati nelle nostre pagine dedicate al settore edile https://www.wagner-group.com/it/edilizia/prodottieaccessori/.

HVLP sta per High Volume - Low Pressure. La bassa pressione del materiale con elevato volume di aria assicura gocce di materiale più grandi e quindi meno nebbia di spruzzatura.

Contrariamente a quella pneumatica, la polverizzazione Airless (senza aria) avviene esercitando una pressione sul fluido da spruzzare per mezzo di una pompa. La pompa mette sotto pressione il materiale e ne comprime una quantità definita attraverso l’ugello. Da lì verrà scomposto e nebulizzato nel getto. I sistemi Airless sono principalmente adatti per l’applicazione di dispersioni.

HEA sta per High Efficiency Airless, che combina ugelli di innovativa concezione con una pompa ad alta efficienza e a riduzione della pressione al tempo stesso. Per maggiori informazioni visitare https://www.wagner-group.com/it/fai-da-te/tecniche/spruzzatura-airless/

No, con i sistemi a spruzzo WAGNER devono essere utilizzati gli accessori WAGNER previsti. In caso contrario decade la garanzia.

Sì, con i nostri sistemi a spruzzo WAGNER è possibile spruzzare primer profondi. Ulteriori informazioni sono disponibili nella scheda tecnica del produttore della vernice.

Sì, con i nostri sistemi a spruzzo WAGNER è possibile spruzzare vernici a dispersione. È necessario un sistema di verniciatura a spruzzo WallSprayer, ad es. W 450, Universal Sprayer, ad es. W 590 FLEXiO o Airless Sprayer Control Pro 250 M. Ulteriori informazioni sono disponibili nella scheda tecnica del produttore della vernice.

No, con i nostro sistema a spruzzo WAGNER non è possibile spruzzare alcuna vernice per facciate. La vernice per facciate contiene componenti abrasivi che causerebbero un'usura troppo rapida delle nostre apparecchiature. Inoltre, specialmente con strutture superficiali grossolane, non è possibile garantire che la vernice possa penetrare in ogni angolo durante la spruzzatura. Si consiglia un dispositivo artigianale WAGNER, come il ProSpray 3.25 e il rotolamento con il rullo.

Sì, con i nostro sistema a spruzzo WAGNER è possibile spruzzare il primer. Ulteriori informazioni sono disponibili nella scheda tecnica del produttore della vernice.

Sì, con i nostro sistema a spruzzo WAGNER è possibile spruzzare la vernice a calce. È necessario un sistema di verniciatura a spruzzo WallSprayer, ad es. W 450, Universal Sprayer, ad es. W 590 FLEXiO o Airless Sprayer Control Pro 250 M.

Poiché ci sono diverse composizioni di materiali, diverse viscosità e anche qualità di dispersione adesiva/adesivo non tessuto, non possiamo consigliarlo senza riserve. Nel peggiore dei casi, l'unità si incolla durante l'elaborazione ed è irreparabile in seguito. In questo caso la società WAGNER non fornisce alcuna garanzia.

Vi chiediamo di verificare se la vernice protettiva per le intemperie può essere spruzzata. Il produttore fa riferimento a questo sul contenitore. In questo caso, il W-590 è adatto. Si prega di notare che la vernice deve essere diluita, se necessario. Per ulteriori informazioni, consultare la scheda tecnica del produttore della vernice.

La vernice al silicato è possibile, ma è essenziale controllare la scheda tecnica del produttore della vernice per vedere se la vernice è adatta. Inoltre, il BAL sottolinea anche che la vernice al silicato corrode le superfici di vetro e ceramica a contatto! Tutte le superfici corrispondenti devono quindi essere completamente coperte.

No, con i nostro sistema a spruzzo WAGNER non è possibile spruzzare alcuna vernice alla resina di silicato. La vernice alla resina di silicato contiene componenti abrasivi che causerebbero un'usura troppo rapida delle nostre apparecchiature. Inoltre, specialmente con strutture superficiali grossolane, non è possibile garantire che la vernice possa penetrare in ogni angolo durante la spruzzatura. Si consiglia un dispositivo artigianale WAGNER, come il ProSpray 3.25 e il rotolamento con il rullo.

Per ottenere una tinteggiatura ottimale è importante pulire le superfici. Rimuovere quindi sporco, polvere, olio, acqua, ecc.

  1. Per tinteggiare a spruzzo una stanza, rimuovere dapprima i lampadari, le mostrine degli interruttori e delle prese elettriche. ATTENZIONE: disattivare dapprima l’alimentazione della corrente.
  2. Per fissare la copertura al soffitto, utilizzare del nastro da mascheratura applicandolo ogni due metri.
  3. Proteggere il pavimento e i battiscopa con un telo, fissando anch’esso con del nastro da mascheratura.
  4. Coprire le porte, le finestre e i termosifoni con un telo di plastica.
  5. Fissare il telo su entrambi i lati della porta o della finestra con del nastro da mascheratura.
  6. Iniziare il lavoro tinteggiando dapprima il soffitto, quindi gli angoli e infine le pareti.
  7. Rimuovere lentamente il nastro da mascheratura prima che il colore sia completamente asciutto. A questo proposito, consigliamo l’uso dell’Universal Extra Masking Kit https://www.wagner-group.com/it/fai-da-te/prodotti-accessori/gruppo-di-accessori/universal-extra-masking-kit/.
Indietro